Giovani cicliste crescono: ecco Kristel Sandri

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Oggi vi presentiamo Kristel Sandri, ciclista quindicenne del Veloce Club Borgo, al suo primo anno nella categoria Allieva.
Kristel inizia a correre nella categoria G4, dopo essersi avvicinata a questo sport l'anno prima seguendo il fratello ciclista. "Lo andavo a vedere molto spesso - dice kristel - e piano piano mi sono affezionata al ciclismo e alloo stampo tempo è diminuita la voglia di fare danza. Grazie anche a due mie amiche, che ho conosciuto andando a vedere le corse di mio fratello (che ora sono anche mie compagne di squadra), mi sono convinta a iniziare con le due ruote. Ricordo ancora che all'inizio i miei genitori non avrebbero scommesso neanche 10 euro sulla mia continuità in sella alla bici.

 

Ho cominciato questa avventura nel Veloce Club Borgo e ci sono stata fino alla categoria G6. In questi anni ho collezionato varie vittorie e podi. Da G5 ho anche partecipato al mio primo meeting nazionale dove sono riuscita a conquistare un bel terzo posto.

Con il passaggio nella categoria esordiente ho dovuto cambiare squadra, perché il Team di appartenenza non seguiva la categoria e sono passata nel Team Femminile Trentino. La stagione è cominciato abbastanza bene e sono diventata anche Campionessa Provinciale di categoria, però, purtroppo, le successive gare non sono andate come avrei sperato, mi sono piazzata poco e il miglior piazzamento che sono riuscita a raggiungere è stato un quarto posto. Sono stati 2 anni non facili che hanno messo alla prova la mia passione per il ciclismo. Ci sono stati momenti in cui mi chiedevo se valesse la pena continuare, però poi pensavo a tutto quello che avevo passato in precedenza, al mio sogno e grazie ai miei genitori e alle altre persone che hanno credono in me che non ho mollato.

Lo scorso anno la mia vecchia squadra, il Veloce Club Borgo, ha deciso di fare una squadra femminile esordienti e allieve e perciò sono tornata quà per comodità. Scelta che mi ha fatto ritrovato me stessa e infatti la prima gara che ho fatto quest'anno sono riuscita a piazzarmi, ho fatto nona!. Poi sono anche riuscita a diventare Campionessa Provinciale, con un po' di fortuna, ma sono molto contenta così.

Con il passare delle gare ho cominciato a correre quasi sempre davanti e mi sono sempre sentita molto a mio agio però devo prendere più sicurezza in me stessa altrimenti rischio, pur essendo ben allenata, di sprecare le occasioni più ghiotte a causa delle mie paure.  
A tal proposito, non saprò mai come ringraziare i miei allenatori che mi hanno aiutata molto. E' grazie a loro che mi sono finalmente sbloccata. Per una sfortunata caduta infatti sono stata ferma e non ho potuto correre la "Coppa Rosa" che per me sarebbe stata la gara di casa e rappresentare la mia squadra, come unica allieva, sarebbe stata un'emozione unica.
Purtroppo sono a secco di vittorie da quando ero nella categoria G6, ma non mi arrendo perché credo nel mio sogno e continuerò a lottare per cercare di realizzarlo.

Le mie stagioni sono state quasi sempre formate da alti e bassi e questo mi ha fatto capire che le insidie e gli ostacoli sono, lungo una strada, spesso in agguato, e che servono a farci imparare a vivere e ad affrontare con più determinazione i momenti più difficili. Quest'anno ho anche imparato una cosa nuova: sono da sola a correre, ma comunque con me ci sono le mie compagne esordienti che mi tifano sempre e che sono sempre lì a sostenermi. Questo mi fa molto piacere, perché raggiungere degli obbiettivi con accanto delle persone con le quali ti trovi bene e ti senti a proprio agio diventa un po' più facile e poter condividere questi momenti con loro diventa qualcosa di unico e speciale."

Grande passione per il ciclismo e nello studio come te la cavi?
Nello studio posso dire che me la cavo, sono uscita dalla terza media con il 9 e ora sto frequentando un Istituto Turistico Sportivo e mi trovo molto bene. Non sono una ragazza da tutti 10 e in realtà non è che mi importi molto perchè comunque sono solo dei voti e perciò alla fine quello che conta è quello che imparo.

Ogni sport dà i suoi insegnamenti. Hai trovato nella danza e nel ciclismo qualche aspetto che li accumuna o pensi che siano due mondi diversi?
In realtà sono due mondi molto diversi: nel ciclismo giri molto spesso e visiti posti davvero molto belli pedalando, mentre nella danza alla fine rimani in una palestra. Comunque anche la danza come il ciclismo è uno sport dove si fa fatica. Secondo me ogni sport ha qualcosa che lo rende faticoso e credo che questo sia l'aspetto che a noi ragazzi fa scegliere lo sport che pratichiamo, anche perchè se fosse tutto facile non sarebbe nemmeno bello farlo. La danza è uno sport un po' più calmo rispetto al ciclismo, poi ovviamente dipende dal tipo di danza, ma questa è stata la mia esperienza e credo sia anche per questo che mi è passata la passione. A me piacciono molto le avventure, provare nuove cose e il ciclismo a me trasmette tutto quello di cui ho bisogno per sentirmi bene, libera e felice.

Tra tutti gli aspetti positivi che ci hai raccontato (cadere per rialzarsi, guardare oltre i risultati, il supporto delle ragazze più grandi, ecc…), qual è quello che conta di più per te?
Io penso che la cosa che conti di più è proprio trovarsi in un gruppo dove ci sia una buona intesa, è anche più facile conquistare i risultati. Far parte di un bel gruppo aiuta a passare anche i momenti difficili.

Ritorniamo alla tua attività di ciclista, l'anno prossimo ?
L'anno prossimo sarò allieva di secondo anno e correrò ancora nel Veloce Club Borgo. Spero che vada meglio di questa prima stagione e di poter fare risultati.

Pur essendo giovane, quali pensi che siano le tue qualità di ciclista?
Al momento non saprei bene, all'inizio di quest'anno pensavo di essere un po' velocista, perchè me la cavo abbastanza bene allo sprint, però con il passare dei mesi ho notato che se voglio posso cavarmela anche in salita.

Hai parlato di un tuo sogno..., è un segreto o lo puoi svelare ai lettori di cicliste.eu?
Non per fare L’egoista ma preferirei tenerlo per me. Però posso dire che è un traguardo dove solo in poche ci possono arrivare.

Potete seguire Kristel sul suo profilo Instagram: https://www.instagram.com/sandrikristel/

La pagina del suo team: https://www.facebook.com/VeloceClubBorgo/

Author: ciclisteEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Keyword

Category

Author

Tag

no-doping
si-salvaciclisti
no-violenza
no-razzismo
Cicliste.eu © 2019 - PROMOITALIA [PETTINATI COMMUNICATION]