Brutto incidente per la giovane Anastasia Carbonari

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Un altro incidente stradale coinvolge purtroppo una giovane ciclista. Questa mattina, la sfortuna, tanto per non dire la sbadataggine di un automobilista che ha tagliato la strada alla ciclista, ha investito Anastasia Carbonari, ciclista 21enne della Born to Win causandole la rottura di una vertebra. La ragazza marchigiana dovrà portare il busto per almeno 40 giorni, prima di ricominciare la riabilitazione.

Dopo il brutto recente incidente accorso a Ilenia Bigozzi, che le ha compromesso la stagione, a cadere pesantemente sull'asfalto è toccato ad Anastasia. Per lei stagione finita ed estate rovinata. Per fortuna senza danni fisici di maggiore importanza come purtroppo è accaduto, lo scorso anno, alla 18enne Agnese Romelli che per colpa di un pirata della strada ha perso il braccio sinistro ed è ancora in attesa del processo con l'automobilista da subito libero di girare in auto e rovinare i sogni di una ragazzina.

Ilenia Bigozzi

bigozzi ilenia

la nostra redazione da tempo di batte per quello che chiamiamo "ciclisticidio". Non è possibile sopportare oltre queste vicende. Svegliarsi al mattino sapendo che un ciclista sarà colpito in pieno. Strade dissestate, normative stradali rimaste all'età dei cavalli a traino, mancanza di piste ciclabili, velodromi e circuito chiusi per i ciclisti tormentano e rovinano la vita di tutti i ciclisti, dagli amatori ai professionistici per finire con chi usa la bicicletta per lavoro o per spostarsi in città.

La legge sulla sicurezza, tanto sbandierata dall'ACCPI, è ancora da approvare, proteste non ne vediamo e siamo stanchi di piangere i nostri amici e amiche cicliste. Serve una legge sul tipo spagnolo e le strutture presenti in tutta Europa. Serve salva guadare i ciclisti e le cicliste italiane. Non i soliti discorsi e comunicati di propaganda di circostanza politica.

E in tutto questo c'è il direttore di RollingStone che si permette di ironizzare sui 250 ciclisti morti: https://www.rollingstone.it/rolling-affairs/testa-bassa-e-commentare/470925/ 

Walter Pettinati

https://www.rollingstone.it/opinioni/cadono-come-mosche-e-non-sanno-stare-in-fila-chi-sono/470099/

Author: Walter PettinatiEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Keyword

Category

Author

Tag

no-doping
si-salvaciclisti
no-violenza
no-razzismo
Cicliste.eu © 2019 - PROMOITALIA [PETTINATI COMMUNICATION]