mondositiscommesse

Continua a crescere il numero di cicliste senza stipendio: raggiunto il 34%

Continua a crescere il numero di cicliste senza stipendio: raggiunto il 34%

Grazie al sindacato delle cicliste The Cyclists' Alliance (TCA) e all'Unione Ciclistica Internazionale il ciclismo femminile sta ottenendo maggiori benefici.
La Cyclists' Alliance (TCA) ha pubblicato il suo resoconto annuale, che mostra il crescente divario salariale tra i due livelli di squadre: Women's WorldTeams e Continental Teams. Il report ha rivelato che il numero di donne nel gruppo che non percepiscono uno stipendio come parte dei contratti di squadra di secondo livello è aumentato dal 17% nel 2018 al 34% nel 2021.

I risultati hanno preso in considerazione 97 cicliste professioniste che hanno partecipato al sondaggio annuale di TCA che ha coperto aree chiave: condizioni di lavoro, etica e legale e cultura di squadra. L'associazione ha anche notato che le stesse cicliste non hanno risposto al sondaggio di anno in anno, ma un numero simile di ragazze ha completato il sondaggio, pari a circa il 10% del gruppo.

TCA ha rilasciato solo i risultati della parte relativa alle condizioni di lavoro del sondaggio, ma ha anche in programma di analizzare e pubblicare i suoi risultati per le altre due sezioni: legale, etica e cultura del team.

Attualmente ci sono nove Women's WorldTeams: Alé BTC Ljubljana, Canyon-SRAM, FDJ Nouvelle-Aquitaine Futuroscope, Liv Racing, Movistar Team Women, Team BikeExchange, Team DSM, Team SD Worx e Trek-Segafredo, e tutti i team di alto livello sono obbligatori pagare uno stipendio minimo di € 20.000 nel 2021. Queste squadre di alto livello impiegano 160 cicliste.

Tuttavia, ci sono 49 squadre continentali di secondo livello che contraggono 779 atlete che corrono nel calendario internazionale e molte di queste squadre competono negli eventi Women's WorldTour. Le squadre di secondo livello non sono tenute a pagare un salario minimo alle loro atlete e, sebbene alcune lo facciano, molte non lo fanno.

La sezione sulle condizioni di lavoro del sondaggio annuale del TCA è stata suddivisa in cinque gruppi principali che hanno coperto gli stipendi delle cicliste, le inclusioni contrattuali, i rimborsi, i secondi lavori e gli studi e gli impatti del COVID-19.

Per quanto riguarda gli stipendi, l'86 per cento delle ciclisti che hanno risposto al sondaggio ritiene che gli stipendi previsti nel ciclismo femminile siano troppo bassi rispetto al livello di impegno richiesto loro come da contratto.

Forse, la scoperta più grande è stata che il numero di cicliste che non percepiscono lo stipendio è passata dal 17% nel 2018 al 34% nel 2021.

La sezione salariale del sondaggio ha anche rilevato che, poiché non esiste un requisito salariale minimo per le squadre di secondo livello, il divario di disparità salariale tra le cicliste dei WorldTeams femminili e le cicliste Continental si è ampliato.

Secondo il sondaggio, mentre il 34% delle atlete non riceve alcun salario, il 28% ha ricevuto meno di 15.000 euro, il 22% ha guadagnato tra 15.000 e 60.000 euro e l'11% ha guadagnato 60.000 euro o più.

L'UCI ha rivelato che lo stipendio medio delle atlete contrattate con Women's WorldTeams è aumentato del 25% nell'anno successivo all'attuazione di un salario minimo richiesto per le squadre di alto livello, secondo un rapporto di una società di revisione esterna EY Lausanne, nominata dall'UCI come parte della registrazione delle squadre per le stagioni 2020 e 2021. Il suo rapporto ha anche mostrato che il budget medio delle Women's WorldTeams è aumentato del 22% tra il 2020 e il 2021.

L'UCI ha dichiarato, al momento della pubblicazione di tale sondaggio, che la creazione di un salario minimo stava colmando il divario tra gli stipendi medi pagati alle cicliste dei WorldTeams femminili e ai membri degli UCI ProTeams maschili, riducendo il divario dal 67,53 per cento al 44,21 per cento.

Parte di questa riduzione del divario è stata attribuita alla decisione di Trek-Segafredo e del Team BikeExchange di aumentare lo stipendio minimo delle cicliste delle squadre del WorldTour femminile in modo che corrisponda al tasso imposto per le cicliste WorldTour di alto livello della sua squadra maschile, raddoppiando di fatto il salario minimo delle donne. da € 20.000 a € 40.045.

Il rapporto di audit di EY Lausanne, tuttavia, non includeva le squadre di secondo livello e non c'erano informazioni rilasciate dall'UCI sulle loro fasce salariali o statistiche.

Le cicliste che hanno partecipato al recente sondaggio annuale TCA hanno indicato che le aree in cui ritenevano prioritarie per l'associazione assistere attraverso il suo sostegno erano che tutte le cicliste che gareggiavano nel gruppo guadagnassero uno stipendio minimo e per una maggiore copertura televisiva in diretta delle gare femminili.

"Questa tendenza dimostra che la disparità salariale sta crescendo tra le cicliste più pagate e quelle meno pagati del gruppo. Continueremo a chiedere all'UCI di controllare e pubblicare gli stipendi delle cicliste continentali (come fanno per la WWT), di implementare gli stipendi minimi e di implementare un Stato ProTeam", ha dichiarato TCA.

Secondo il sondaggio, il livello di professionalità tra i WorldTeams femminili di alto livello è migliorato.

Oltre al salario minimo per le cicliste, le squadre devono anche fornire assicurazioni sociali e benefici come il congedo di maternità e devono avere una garanzia di sponsorizzazione pluriennale, che ha permesso alle squadre di offrire alle proprie ragazze contratti pluriennali con maggiore stabilità.

L'indagine annuale TCA ha rivelato, tuttavia, che le cicliste contratte con i team Continental non hanno sperimentato lo stesso aumento del livello di professionalità.

TCA ha evidenziato che il supporto medico è solo un esempio in cui una discrepanza è ampia, con il 94% delle cicliste contrattate con squadre di alto livello che ricevono assistenza medica nei loro contratti, mentre solo il 33% delle cicliste dei team Continental beneficia di questo supporto.

A partire dalla prossima stagione, solo le Women's WorldTeams dovranno assumere un chief medical officer.

L'UCI ha confermato a Cyclingnews che l'importanza del personale medico fa parte della strategia per professionalizzare il ciclismo femminile e che i requisiti per il personale obbligatorio delle squadre per gli UCI Women's WorldTeams dovrebbero aumentare secondo l'articolo 2.13.210 nel 2021 e nel 2022.

Inoltre, l'attuazione del Criterio organizzativo dal 2022, posticipato di un anno a causa della pandemia, includerà diversi punti relativi al campo medico, in particolare nella sezione delle cure; l'équipe deve assumere un medico responsabile dell'organizzazione delle cure mediche (il "medico capo"); ogni ciclista deve avere un consulente medico (medico) identificato dalla squadra indipendentemente dal fatto che questa persona sia dipendente o meno della squadra; e una squadra deve avere regolamenti medici interni che stabiliscono i metodi con cui le cicliste possono richiedere assistenza medica e accedere ai dati medici.

L'UCI ha dichiarato che a livello continentale, tuttavia, le squadre femminili e maschili più piccole non avrebbero un medico di squadra a tempo pieno o l'accesso diretto a un medico.

"A livello delle Squadre Continentali UCI, abbiamo gli stessi requisiti per uomini e donne. Ad esempio: bisogna fare un check-up secondo la guida all'iscrizione, ma per il momento non c'è un medico di riferimento. Questo è qualcosa che abbiamo esaminato più da vicino dal COVID-19, per vedere come potremmo sviluppare ulteriormente questo aspetto", ha affermato l'UCI.

Secondo lavoro
TCA ha scoperto che il 39% delle cicliste che hanno partecipato al sondaggio svolge un secondo lavoro mentre è sotto contratto per correre. Il 24% lavora part-time (meno di 20 ore settimanali) e il 15% lavora più di 20 ore settimanali.

Di queste cicliste che lavorano più di 20 ore settimanali, il 67 per cento non riceve uno stipendio dalla propria squadra di ciclismo, come parte del contratto, e il 14 per cento riceve meno di 5.000 euro.

"Le ragazze stanno bilanciando il lavoro con l'allenamento e gli impegni in gara per sostenersi finanziariamente", ha affermato il TCA.

Inoltre, il 38% dele cicliste che hanno partecipato sta studiando mentre corre anche sotto contratto, in scuole superiori, università o altri corsi professionali.

In un recente articolo, Racing below the breadline: The women's cycling omertà , Cyclingnews ha parlato con Doris Schweizer, una quattro volte campionessa nazionale svizzera che, come tante cicliste professioniste, fa un lavoro part-time aggiuntivo da McDonald's per pagare le bollette.

Inoltre, Cecile Uttrup Ludwig ha trascorso la prima parte della sua carriera ciclistica facendo un secondo lavoro in un supermercato. Ora è pagata come parte della squadra di alto livello FDJ Nouvelle-Aquitaine Futuroscope e ha detto a Cyclingnews che ha fatto una grande differenza nelle sue prestazioni e, con più altre cicliste anche in una situazione simile, al livello generale di forza in il gruppo femminile nel 2021.

"In passato, stavo in piedi lavorando in un supermercato e questo non è un ottimo recupero", ha detto Uttrup Ludwig a Cyclingnews . "[Le donne] ora possono concentrarsi al 100% sul ciclismo e questo dimostra che il livello è super buono e aumenta ogni anno. Quando il livello aumenta, tutte le squadre giocano un ruolo più importante nelle gare".

La stagione 2020 è stata chiusa da marzo a luglio a causa dei rischi per la salute che circondano la pandemia globale di COVID-19 e tali impatti sono continuati nella stagione 2021, sia per le ragazze che per i team.

Il sondaggio di TCA ha rivelato che, nel complesso, le cicliste hanno subito un impatto minore quest'anno rispetto allo scorso anno. Tuttavia, le ragazze contratte con i team Continental subiscono un impatto negativo maggiore rispetto ai corridori dei WorldTeams.

Nel 2021, solo il cinque per cento delle cicliste contrattate con squadre di alto livello ha visto ridurre il proprio stipendio e solo l'uno per cento delle cicliste delle squadre continentali ha perso il proprio stipendio interamente a causa della pandemia di COVID-19, un grande miglioramento rispetto al 29 per cento.

Tuttavia, il 7% dei corridori contratti con i team stradali continentali non è stato in grado di assicurarsi un contratto con una squadra per il 2021 e ha affermato che il motivo principale era il COVID-19.

Inoltre, il 20% delle cicliste dei team Continental ha dovuto coprire i costi dei propri test COVID-19 per recarsi alle gare, mentre il 94% dei corridori WorldTeams ha dichiarato che tutti i test COVID-19 erano inclusi e coperti dal loro contratto di lavoro. .⁠

Nel 2020, il calendario delle corse rivisto, in sostituzione dei piani che erano stati interrotti a causa della pandemia di coronavirus COVID-19 la scorsa primavera, ha colpito ragazze, squadre e organizzatori di eventi. Alla fine della stagione, l'UCI ha tratto conclusioni positive dai suoi protocolli e per aver superato la stagione interrotta nonostante i rischi per la salute senza precedenti legati a una pandemia globale.

Tuttavia, un sondaggio specifico per il COVID del TCA condotto lo scorso anno a settembre, ha rivelato preoccupazioni tra le cicliste, in particolare dalle squadre femminili a basso budget e continentali, che ritenevano che i protocolli fossero difficili da mantenere nel ciclismo femminile.

Questo sondaggio è stato condotto a metà del calendario abbreviato e utilizzato per raccogliere informazioni sui bisogni e le paure delle atlete che gareggiano su strada, pista, mountain bike e ciclocross femminili, ma la maggior parte delle risposte proviene da atlete su strada.

I risultati del sondaggio specifico per il COVID suggeriscono la necessità di un sistema più equo e realistico, un livello di assistenza standardizzato in tutti i team, una migliore organizzazione e una maggiore istruzione su come eseguire i protocolli sanitari.

Ha anche suggerito che la fornitura di un medico di squadra e un sussidio potrebbe aiutare le squadre e gli eventi continentali più piccoli a far fronte alla logistica e ai costi di attuazione dei protocolli sanitari per garantire meglio la sicurezza per tutti alle gare in futuro.

Inoltre, i costi di implementazione dei protocolli COVID-19 durante le gare hanno colpito maggiormente i team di secondo livello. L'importo speso da una squadra per l'attuazione dei protocolli COVID-19 variava, a seconda del numero di gare a cui aveva partecipato e della posizione in cui si trovava la squadra.

Il team norvegese Hitec Products ha gareggiato lo scorso anno in un calendario parziale che includeva sei eventi di un giorno e una corsa a tappe di tre giorni, per cui il costo per l'attuazione dei protocolli sanitari è stato di circa 11.000 euro. I costi per i test PCR COVID-19 ammontavano a € 7.000, i costi di viaggio aggiuntivi erano € 2.000 e altri costi minori dovuti a COVID-19 erano € 2.000, ha detto a Cyclingnews il manager della squadra Karl Lima .

Lima ha confermato, l'anno scorso, che Hitec Products aveva un medico di squadra che lavorava a Stavanger e che raramente viaggiava con la squadra.

"L'importo era gestibile grazie al fatto che abbiamo risparmiato un po' di soldi durante il blocco", ha detto Lima. "Penso di sicuro che ci potrebbe essere un aiuto da parte dell'UCI [per le gare]".

Per il team statunitense TIBCO-Silicon Valley Bank, i costi erano molto più alti. Il proprietario e manager Linda Jackson, ha rivelato a Cyclingnews che i protocolli COVID-19 dell'anno scorso, e i relativi costi di viaggio e corsa, erano superiori a $ 30.000 (€ 25.500). Questo è stato suddiviso in circa $ 18.000 in spese logistiche e $ 13.000 in spese specifiche per COVID-19.

Jackson ha confermato che il team ha arruolato l'assistenza di un medico che era disponibile ad aiutare quando necessario, ma che il direttore del team Rachel Heal era responsabile del caricamento dei file COVID-19 nell'hub principale l'anno scorso.

Jackson ha anche affermato che la squadra continentale non ha ricevuto alcun sostegno finanziario dall'UCI, né ulteriori indicazioni nell'attuazione dei protocolli COVID-19 che, secondo lei, sono stati un "incubo logistico" per la sua squadra. Gli ostacoli includevano l'individuazione di un laboratorio privato per eseguire i test COVID-19, un corriere per trasportare i test considerati "sostanze biologiche" con imballaggi speciali ed etichette speciali e l'ulteriore complicazione delle restrizioni di viaggio per i motociclisti americani nell'UE lo scorso anno.

"L'UCI non ci ha dato quasi nessuna direzione, e certamente non ha fornito alcun supporto finanziario", ha detto Jackson.

Iris Slappendel, co-fondatrice di TCA, ha suggerito che l'UCI avrebbe potuto fornire alle squadre un medico principale, in particolare durante la pandemia, per le squadre continentali che non avevano assistenza medica.

"Penso che sarebbe stata una buona soluzione, purché l'assistenza e l'accesso siano efficaci. È inutile avere un medico di squadra di nome solo se i corridori non possono ottenere un accesso indipendente o ottengono l'accesso solo una volta alla settimana, si tratta più di standardizzare l'accesso alle cure", ha detto Slappendel.

"Nel mezzo della pandemia, è diverso dal prendersi cura di un atleta con un infortunio ad hoc, sono lì per la sicurezza e la prevenzione delle malattie in un modo che un normale medico di squadra non avrebbe il compito di svolgere. Su COVID-19, è facile criticare l'UCI su come avrebbero potuto fare le cose in modo diverso [l'anno scorso], ma penso che mancassero persone per provvedere ai protocolli, avevano un medico responsabile dell'intera situazione COVID-19, quindi forse era irrealistico aspettarsi quello di un medico, avevano bisogno di risorse migliori a tutto tondo. È un virus molto serio e se lo prendi, le conseguenze possono essere enormi".

Autore
Walter Pettinati
Author: Walter PettinatiWebsite: www.pettinati.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giornalista, editore, Ex ciclista professionista, appassionato di sport, presidente del team etico virtuale cicliste.eu.


Stampa   Email

Related Articles