They are the first, they are unique

Si chiudono gli Europei su Pista Juniores e Under 23 e per l'Italia è il solito trionfo: 12 medaglie d'ORO; 3 d'ARGENTO; 2 di BRONZO.
Nonostante la nazionale azzurra sia priva di un impianto stabile per gli allenamenti (Montichiari è stato chiuso dalla Procura) le azzurre hanno sfoderato un'impressionante performance di squadra strabiliando e, in alcuni casi doppiando, il resto d'Europa

 

 ...  chiudendo al 1° posto del medagliere, seconde solo alla Russia per numero di medaglie conquistate grazie ai risultati dei ragazzi che hanno chiuso con 4 medaglie (1 ORO; 2 ARGENTI e 1 BRONZO) contro le 9 medaglie conquistate dai rivali russi.

Ancora una volta, e questa volta nel ciclismo, le donne italiane tengono alto l'onore sportivo Italiano e lo fanno con stile e fantasia che unito alla loro forza e bellezza rendono le nostre ragazze stupende nella loro totalità.

Un Europeo ben organizzato con una sola pecca: è mancata la diretta streaming.
Ma con un'impeccabile performance, degna dei più noti telecronisti, ci hanno pensato Gloria (Manzoni e Giorgia Capobianchi (sorella di Giada) a deliziarci con le dirette delle gare, naturalmente, professionali nei contenuti e simpatiche nei commenti.

La dove è mancata l'organizzazione, ci hanno pensano le nostre protagoniste a coprire la lacuna e naturalmente lo hanno fatto con l'aiuto di un grande allenatore e motivatore quale è Dino Salvoldi a cui va il merito di aver creduto e valorizzato il ciclismo femminile, portando le ragazze ad esprimere al meglio le loro capacità.
Non si tratta di una "mosca bianca" ma di un gruppo di atlete che, in ogni disciplina, riescono ad essere protagoniste. Il merito del CT si moltiplica per ognuna di loro.

Comprensibile l’orgoglio del Presidente Di Rocco e del Consiglio Federale: “Una profonda soddisfazione personale e di tutto il Consiglio Federale per la storica affermazione delle atleti e degli atleti azzurri, a cui si unisce un forte sentimento di gratitudine alle loro società di appartenenza e tecnici, oltre ai genitori e a tutto lo staff tecnico federale” ha detto a caldo il Presidente subito dopo la fine delle gare.

Il settore femminile si conferma in forte crescita
Letizia Paternoster, al suo primo anno nelle Under 23, conquista tre ori e un bronzo nelle 4 prove disputate, dando così seguito alle 5 medaglie collezionate su 5 gare disputate lo scorso anno da junior. Accanto a lei brillano tutte le altre medagliate a iniziare dalle due Juniores già in mostra ai Mondiali di una decina di giorni fa: Vittoria Guazzini e Gloria Scarsi.
Oltre al settore dell’inseguimento a squadre, nel quale siamo ai vertici assoluti da diversi anni (a proposito, complimenti a Marta Cavalli e al nuovo record italiano nell'individuale), arrivano ottime notizie anche dal settore velocità con Miriam Vece che vince i titoli nei 500 mt e della velocità, facendoci rivivere le volate di altri tempi. Nella velocità Olimpica è di buon auspicio l’argento di Martina Fidanza (al suo primo anno) e Gloria Manzoni.

Soddisfatto, e non potrebbe non esserlo, Dino Salvoldi: "Il bilancio è evidentemente ottimo. I numeri non lasciano spazio a interpretazioni. Si dovrebbe ancora di più esaltare l'impegno e i risultati raggiunti da queste ragazze e da questo gran bel gruppo. A livello juniores ci siamo confermati e ripetuti come modello di organizzazione e prestazioni tra i migliori al mondo. Nelle U23 iniziamo a raccogliere soddisfazioni anche nel settore velocità e continuiamo a crescere in consapevolezza con il settore endurance. L'unico rammarico è per la prestazione interrotta del quartetto U23, che ci avrebbe dato un tempo molto importante. Sappiamo quali sono i nostri margini, sia in termini di prestazione che di mentalità. Sappiamo anche di avere grandi qualità. Rimarrà un'esperienza storica, di grandi emozioni. Grazie veramente a tutti. E' anche ovvio che il pensiero al velodromo di Montichiari è continuo e desta grandissima preoccupazione..".

La Federazione (e il Presidente Di Rocco in prima persona) si è impegnata con tutte le forze per trovare una soluzione che riesca ad accorciare i tempi per la ristrutturazione dell’impianto, supportata in questo dal CONI e dalle Istituzioni. Sono state trovare le risorse e c’è la disponibilità da parte di tutti ad accelerare per la realizzazione dei lavori e permettere la riapertura, così da poter programmare con calma le Olimpiadi di Tokyo. Dalla pista di Aigle i ragazzi di Salvoldi e Villa hanno detto con voce forte e chiara: “noi ci siamo!”.

Non basta impegnarsi, bisogna procedere, trovare i colpevoli che hanno portato alla chiusura dell'unico velodromo al chiuso in Italia, punto di ritrovo di tutte le azzurre e azzurri e soprattutto bisogna metterlo in sicurezza prima che l'autunno si faccia sentire. Non si può lasciare un patrimonio sportivo e un movimento in crescita come è il ciclismo femminile in balia delle intemperie.
Dobbiamo salvaguardare lo sport, maestro di vita e di crescita e dobbiamo farlo subito.

Mi rivolgo al presidente del CONI Malagò e al nuovo Governo: le donne del ciclismo meritano il meglio senza se e senza ma e lo meritano subito: lo vogliamo riaprire il velodromo di Montichiari?
Il ciclismo ha bisogna di strade sicure per riprendere a sviluppare giovani sani e leali: bisogna ampliare i velodromi e chiudere, ai soli ciclisti, circuiti dove far crescere, divertire e allenarsi le nostre giovani aspiranti in totale sicurezza e tranquillità.

Walter Pettinati

Medagliere Azzurro:
Oro - Letizia Paternoster - Eliminazione Donne U23
Oro - Marta Cavalli - Inseguimento individuale (record italiano) Donne U23
Oro - Gloria Scarsi - Scratch Donne Juniores
Oro - Inseguimento a squadre Donne Juniores - Camilla Alessio, Giorgia Catarzi, Gloria Scarsi, Silvia Zanardi
Oro - Inseguimento a squadre Donne U23 - Martina Alzini, Elisa Balsamo, Marta Cavalli, Vittoria Guazzini, Letizia Paternoster
Oro - Gloria Scarsi Eliminazione Donne Juniores
Oro - Vittoria Guazzini - Inseguimento individuale donne juniores
Oro - Samuele Manfredi - Inseguimento individuale uomini juniores
Oro - Vittoria Guazzini - Omnium femminile juniores
Oro - Miriam Vece - Velocità individuale Under 23
Oro - Letizia Paternoster - Omnium femminile Under 23
Oro - Miriam Vece - 500 mt
Oro – Vittoria Guazzini e Gloria Scarsi – Americana Donne Juniores
Argento - Inseguimento a squadre Uomini Juniores - Davide Boscaro, Alessio Bonelli, Diego Bosini, Samuele Manfredi, Tommaso Nencini
Argento - Martina Alzini - Inseguimento individuale Donne U23
Argento - Velocità Olimpica Donne U23 Martina Fidanza, Gloria Manzoni, Miriam Vece
Argento - Matteo Donegà - Corsa a punti Under 23
Argento - Giada Capobianchi - Keirin femminile Juniores
Bronzo - Tommaso Nencini - Omnium maschile juniores
Bronzo - Sofia Collinelli - Inseguimento individuale donne juniores
Bronzo – Letizia Paternoster e Elisa Balsamo – Americana Donne U23

medagliere europei

Autore
Walter Pettinati
Author: Walter PettinatiWebsite: www.pettinati.comEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Giornalista, editore, Ex ciclista professionista, appassionato di sport, presidente del team etico virtuale cicliste.eu.


Stampa   Email