Ylenia Fiscarelli, il mio sogno? la Nazionale e un titolo Italiano"

Ylenia Fiscarelli è una ragazza pugliese di 16 anni residente nelle Marche. Ha iniziato a pedalare su di una bici da corsa all'età di 6 anni per poi, l'anno successivo, iniziare la sua “carriera” da G1 con la scuola di ciclismo Potentia Rinascita, dove praticamente ha iniziato a fare le prime gare.
Ylenia cresce e da G4 passa alla Montagnola dove rimane anche l'anno successivo da G5. L'ultimo anno da G6 sceglie i colori della scuola di ciclismo San Filippo.

 

Negli anni da giovanissima - racconta Ylenia - ho fatto molte vittorie, mi piaceva correre, mi divertivo molto anche a correre contro i maschi e non solo contro le femmine."

Il passaggio nelle esordienti
"da esordiente sono andata con il Gruppo sportivo Osimo Stazione dove ho fatto i primi 2 anni e dove ho ottenuto vari titoli regionali sia su strada che su pista."

La svolta
"Durante una gara in pista ad Ascoli Piceno, da esordiente 2 anno, ho incontrato Danile Fiorin e gli ho chiesto se potessi continuare la mia carriera nella sua squadra. Mi ha fatto fare una stage di allenamenti e gare dove mi ha testata sia su strada che su pista e alla fine Daniele mi ha accolto nella sua squadra dove ho avuto modo di crescere e imparare molto: sono passata dal fare km su km a settimana a fare allenamenti specifici per qualsiasi tipo di percorso. Ad oggi, da Allieva, sono ancora con lui e mi dispiacerà molto a gennaio dover lasciare Daniele come allenatore e tutte le compagne per il passaggio nella categoria Juniores."

Uno speciale ringraziamento
"Devo ringraziare mio papà che è la mia forza, senza di lui non sarei dove sono adesso. Lui che mi ha allenata fino alla categoria Giovanissima 6/Esordiente 1 anno."

I risultati più importanti
"Da esordiente 2 anno ho fatto 15esima al campionato Italiano a Comano Terme, decima alla Coppa di Sera a Borgo Valsugana. Da allieva 1 anno ho fatto alcuni piazzamenti: settima al mio primo italiano di ciclocross; terza all’italiano in pista con il quartetto della Regione Piemonte. Quest’inverno ho fatto 2° nel giro d’Italia di ciclocross."

Cos'é per te il ciclismo ?
"Per me il ciclismo è divertimento. Non è uno sport per tutti, ma solo per le persone con una certa tenacia."

E nella tua vita che posto occupa ?
"Il più importante di tutti!
Il ciclismo va al primo posto nella classifica della mia vita quotidiana"

Cosa hai pensato quando ti ho contattata per fare un intervista ?
"Sinceramente sono rimasta un po’ scossa ahah perché non penso di essere una delle più forti, quindi mi è parso un po’ strano ahah però ha fatto piacere"

Se non ti classifichi una delle più forti, come ti paragoni ?
"Beh sicuramente non sono una delle più forti ma in gruppo ci so fare, so tenere bene le posizioni e qualche volta mi difendo bene anche nelle volate, anche se, in tal caso, preferisco tirare la volata alla mia compagna di squadra Sara Fiorin perchè so che lei è molto forte e può vincere mentre io al massimo posso ottenere un piazzamento, come è già successo a San Bassano, dove Sara ha vinto la prima gara da Allieva e io le ho tirato la volata negli ultimi 700m."

Quale sapore e significato hanno le tue vittorie/piazzamenti fino ad oggi ?
"Beh sicuramente non si pensa tanto al passato, si pensa a far sempre meglio, però hanno lasciato un bel segno che conserverò per sempre nel mio cuore."

Hai dovuto fare delle rinunce per iniziare a correre?
"Per iniziare niente, però per venire nella Fiorin ho rinunciato ad uscire con gli amici ma è un sacrificio che mi piace fare."

Daniele e le compagne.. quale il rapporto e il legame che hai con loro ?
"Con Daniele in questi 2 anni ho instaurato un rapporto bellissimo, con le compagne anche... vado d’accordo con tutte, ci aiutiamo a vicenda, mi mancheranno tutte l’anno prossimo, soprattutto Sara, con cui ho un rapporto fraterno e mi mancherà molto"

Cosa significa per te partecipare ad una gara ?
"Mettermi a confronto con me stessa e con le mie avversarie, meglio ancora se riesco a batterie."

A cosa pensi quando corri ?
"di solito a niente, ho la mente libera fino agli ultimi 5 km, poi inizio a concentrarmi bene bene su come impostare la volta."

Oltre al tuo allenatore, le compagne e papà.. chi vuoi ringraziare ?
"mia mamma e mio nonno che è il fan n.1"

I pericoli in strada... cosa si potrebbe fare per salvaguardare di più i ciclisti/e ?
"Rispettarli un po’ di più e costruire più piste ciclabili"
"Come ben sai, io abito delle Marche e da noi è morto Michele Scarponi proprio a causa di una macchina che lo ha investito"

Hai mai avuto incidenti con le macchine ?
"Si a dicembre dello scorso anno"

E cosa é successo ?
"Praticamente la macchina non mi ha dato la precedenza, non mi ha vista e mi ha preso in pieno"

Conseguenze ?
"4 punti di sutura sul ginocchio destro e tanta paura"

Però hai trovato la forza di continuare giusto ? Chi ti ha spinto a risalire in sella ??
"La mia forza di volontà"

Cosa pensi del ciclismo femminile ?
"Che secondo me dovrebbe essere allo stesso livello di quello maschile perché noi non siamo da meno, anzi, siamo anche meglio"

Cosa si potrebbe fare per svilupparlo maggiormente?
"Beh, se la Rai facesse vedere le gare delle cicliste pro in diretta e non solo quelle dei maschi sarebbe già un grande passo avanti"

I tuoi hobby oltre al ciclismo ?
"Giocare con le mie compagne di squadra a qualsiasi gioco e giocare alla Play Station con Matteo, il figlio di Daniele Fiorin ahah"

Cosa studi ?
"Faccio il 3° superiore al grafico pubblicitario, a settembre il 4°"

Le tue materie preferite ?
"Grafica e Fotografia"

Qual é il tuo sogno nel cassetto ?
"Andare in nazionale e spero di vincere almeno un campionato italiano"

Come vedi la tua vita futura ?
Spero di continuare il più possibile a correre in bici e poi si vedrà..."

Ringrazio Ylenia per il tempo che mi ha dedicato e la sua famiglia per averci autorizzato a pubblicare questa intervista.

Chiara Rinaldi

Autore
Author: Chiara RinaldiEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Stampa   Email